Exsultate! Jubilate! – di S.A.R. Re Gigio

Exsultate, jubilate,
o vos animae beatae,
dulcia cantica canendo…

Cyber sudditi! Importanti accadimenti mi spingono ad aggiornare la mia popolazione del web sul mio status di monarca incarcerato.

Dopo esattamente due anni di aspre lotte, sono riuscito ad estromettere l’odiato frigo dalla mia prigione-magione. Esultate! l’orgoglio frigorifico sepolto è in mar! canterebbe Otello. La mia azione di sabotaggio principale, cioè intasare con il mio serico pelo i bocchettoni di ricircolo dell’aria ha finalmente sortito l’effetto voluto: il frigo ha smesso di raffreddare e ha  iniziato a scaldare finchè si è trasformato in una specie di forno. Ah! che divertimento osservare con distaccata nonchalance la servitù che girava come una gallina senza testa per stoccare le vettovaglie congelate da amici e conoscenti nel raggio di 10 km e per decidere in fretta e furia il successore dell’inviso usurpatore. Qualche giorno fa, due energumeni lo hanno portato via di peso e al suo posto è stato insediato una specie di monolito di Kubrick, silenzioso e affatto inquietante, che mi permette di girare indisturbato in cucina – luogo fino a ieri a me precluso – e a tampinare la servitù mentre fa colazione, pranza e cena. Benissimo. I servi non devono avere nemmeno un minuto di relax. Sempre pronti a scattare, devono essere.

Al nemico che fugge, ponti d'oro © Lonza65

Al nemico che fugge, ponti d’oro © Lonza65

Ma per una lotta che finisce, un’altra ne inizia. Con l’avvento della bella stagione, ho dato ordine, come sempre, di allestire i miei giacigli estivi sul terrazzo. La Femme de Chambre, con azioni del tutto arbitrarie, cerca di impossessarsi surrettiziamente del lettino lungo, quando sa benissimo che esso è destinato solo ed esclusivamente ad ospitare i miei nobili quarti anteriori e posteriori. Ingaggiamo lotte all’ultimo centimentro per il suo usufrutto, cosa molto ambita quando la serotina brezza di terra soffia leggera e induce alla pennica filosofica.

 

 

 

A volte vinco, a volte perdo, ma quello che non sopporto è il pareggio:

La lotta per il possesso del lettino imperiale si fa dura © Giuseppe Marone

La lotta per il possesso del lettino imperiale si fa dura © Giuseppe Marone

la coabitazione coatta non è soluzione degna di un nobile par mio. E se mai la lotta per il lettino finirà, all’orizzonte si profila l’antagonismo con L’infernale Quinlan che altri non è che l’orrendo aspirapolvere. Ma sconfiggerlo sarà dura. Già lo so.

E non è cosa degna di un monarca nemmeno pranzare da solo: da qualche tempo in qua, esigo che i pasti principali, gli spuntini e le merende mi siano servite in presenza fisica di uno dei due, anzi a volte pretendo che il cibo mi sia offerto direttamente dalle loro mani. Sento che discutono su questa nuova disposizione – pensano che abbia qualche problema – ma invece i babbei non sanno che lo faccio semplicemente per farli lavorare di più. Per dispetto, in altre parole. Con tutto quello che li pago, che almeno si guadagnino la pagnotta. In fondo, la loro giornata inizia appena alle 5.30 della mattina, quando do disposizione di aprire le persiane e recarmi au dehors per assaporare l’aria fresca e finisce a mezzanotte dopo che abbiamo giocato su e giù per il corridoio. Durante la giornata mi fanno da uscieri, spazzolatori, coccolatori, intrattenitori, motivatori, distributori di cibo, pulitori di cassetta e poche altre decine di attività. Non mi sembra di chiedere chissà che…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Alla corte di Re Gigio e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Exsultate! Jubilate! – di S.A.R. Re Gigio

  1. Mara ha detto:

    Forza Gigio, sono con te!!!!!!!

    Mi piace

  2. loretta ha detto:

    mi rendo conto che si sta parlando di S:A:R: re Gigio, ma, temo che le sue esigenze comincino a prevaricare quello che dovrebbe essere un vostro pazio privato e le sue priorità siano diventate troppo importanti rispetto alle vostre.La libertà di ciascuno è tale fintantochè non va a ledere la libertà degli altri. Temo che lo stiate viziando, Loretta

    Mi piace

  3. Cinzia Pasquini ha detto:

    Non hai figli, ma questo vale come e più di figlio: ahahaha

    Mi piace

Che ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...